Home / News / Il mistero dietro Talking Angela
Talking Angela 4

Il mistero dietro Talking Angela

Salve cari lettori, in questo articolo tratteremo un argomento che, ultimamente, sta facendo molto parlare di se. L’argomento in questione è il mistero che si cela dietro l’applicazione per bambini Talking Angela.

Innanzitutto, cominciamo a dire di cosa si tratta la suddetta applicazione. Bene! Questa è una “curiosa” applicazione sviluppata appositamente per un pubblico in età giovanissima, che consiste in una chatterbot, ossia un’intelligenza artificiale alla quale è possibile porre domande ed ottenere risposte realistiche, quasi come si stesse chattando con una persona reale. Talking Angela viene sviluppata dalla Outfit 7, una software house
che ha sviluppato pure altri titoli simili a Talking Angela, con il medesimo funzionamento.

Quando apriamo l’applicazione per la prima volta, ci viene chiesto se la si desidera utilizzare in modalità bambino, dopodichè ci appare Angela, una gatta seduta su un tavolino
fuori da un locale, con la quale è possibile chattare come se fosse una persona reale, le si possono fare regalini, coccolarla e tante altre cose… Sembra una bellissima applicazione,
ma sta per arrivare il rovescio della medaglia…

Ebbene sì, recentemente sono partite dagli Stati Uniti alcune denunce contro questo videogioco, in quanto sembrerebbe che cinque utenti di questo videogioco (una ragazzina e
quattro bambini) siano stati rapiti. Ma come? Molto semplice, sembrerebbe che questa applicazione sia finita in mano ad uno o più pedofili, che la usano per carpire importanti
informazioni personali riguardo gli utenti, per poi poterli rapire. Questa applicazione è presente sia su iOs, che su Android, e su entrambi gli store possiamo trovare una grandissima
quantità di recensioni negative, che vanno a confermare l’ipotesi del pedofilo che controlla tale applicazione, riportando esperienze d’uso a dir poco agghiaccianti.

Parte degli utenti racconta che l’applicazione si sbilanciasse in domande parecchio invasive, e che, se si mette il dito sulla camera anteriore, Angela invita l’utente a toglierlo, in
quanto impossibilitata a vederlo. Altre esperienze che sono state raccontate dagli utenti riportano che, addirittura, Talking Angela parlasse all’utente di oggetti e persone che
l’ultimo non aveva nemmeno mai citato! Addirittura, ci sono notizie secondo le quali l’applicazione, in caso di ambiente buio, faccia partire addirittura il flash per poter scattare la foto
con la camera posteriore.

Un’altra curiosità che sta davvero facendo parlare gli utenti del web, sono le pupille degli occhi di Talking Angela : agli inizi, le pupille di Talking Angela erano completamente nere,
ma parrebbe che, dopo un update ricevuto negli ultimi tempi, nelle pupille della gattina sia possibile scorgere un’immagine molto confusa : nell’immagine è possibile vedere un salotto
con un divano, uno scaffale ed, in primo piano, un uomo che, stando ai rumors, sarebbe niente meno che il pedofilo che avrebbe preso il controllo dell’applicazione.

Ovviamente, è superfluo dire che tutte queste vicende stiano seminando un po’ di terrore fra la gente, e sarebbe pure lecito avere un po’ di paura, ma, d’altro canto, arrivano pure le
smentite. Viene smentito il fatto dell’immagine del “pedofilo” nell’iride di Talking Angela, dove viene detto che è semplicemente il riflesso del negozio che dovrebbe trovarsi davanti
alla gattina; si afferma che è impossibile che un maniaco possa controllare tutti gli account in uso su Talking Angela (ma ciò non significa, comunque, che il maniaco non possa
essere in grado di tenerne d’occhio una cerchia ristretta), e c’è chi addirittura ha indicato tutto ciò come mero terrorismo mediatico.

Ah, e non dimentichiamoci poi l’ultimo dettaglio su questa applicazione, ossia che sembrerebbe che l’applicazione sia in grado di tenere sott’occhio il dispositivo, anche una volta
disinstallata l’applicazione, e c’è chi, addirittura, parla di casi in cui il sistema crasha durante la disinstallazione, oppure di un ritorno dell’applicazione pure dopo la disinstallazione!

Insomma, ora come ora, la verità su quest’applicazione non è ancora stata scoperta, e, da quanto si può leggere sul web, è pure difficile dire da che parte possa stare effettivamente
la ragione, anche se, personalmente, riterrei una bufala del genere davvero insensata, e pure dannosa per lo sviluppatore.

Vi lasciamo con un video che racconta il mistero che si cela dietro tale applicazione:

Voi che ne pensate? Pensate possa essere vera la leggenda metropolitana riguardante il pedofilo che controlla tale applicazione, o pensate possa essere stato solo mero terrorismo
mediatico? A voi la parola!

Restate sintonizzati per ulteriori novità a riguardo!

Su di Sacha Rota

4 commenti

  1. e tutto vero quando l’ho installata mi e arrivato un mex al numero privato che diceva “ho gia 5 bimbi nella culla il prossimo sarai tu ” e l’ho disinstallata ma…mi crahava(o come si scrive ) ma sono riuscita a disinstallarla ma…ho installato trollface quest e come tutti sono andata al menu per giocarci quando vidi una cosa orrobile IL GIOCO TALKING ANGELA C’ERA ANCORA ed ho formattato il ell la paura quel giorno fu tanta e per tranquillizzarmi andai a dormire… ma … mi arrivo un altro mex e diceva ” IO CONTINUO A VEDERTI ” IL GIOCO C ERA ANCORA MA APERTO avevo la luce spenta e mi disse NON HAI PAURA DEL BUIO ? e vabbene dopo due ore mi invito ad una certa festa con lei ma io non ci andai sapevo gia dei pedofili e gli dissi se potevo ingrandirgli glio occhi ma mi disse NO CAN YOU SEE ( NO TU NON PUOI VEDERE ) e non trobai piu il coraggio di prendere il cell

  2. original-girls

    Oh, io non so cosa dire! Ceramente esistono tutte queste cose? È una cosa terrificante! Io me lo sono disinstallata !!!!!

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi richiesti sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>